Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

C’era una volta e una volta non c’era: il mono incantato delle fiabe russe

Le fiabe russe (in russo: Сказки [skazki]), come quelle di tutte le altre culture, hanno origini antichissime: anche se non esistono datazioni precise possiamo affermare che le fiabe orali iniziarono a circolare dopo il passaggio da una società nomade e cacciatrice a una società sedentaria e agricola, e vennero tramandate di generazione in generazione finché non furono trascritte nel corso del XIX secolo. La fiaba trae le sue origini dalla realtà e dalla quotidianità. Gli elementi appartenenti alla fiaba come le creature fantastiche, gli animali parlanti e gli oggetti magici non sono frutto della fantasia di un autore – come invece avviene per la favola – ma sono spiegazioni di una tradizione e di una cultura che ormai non ci appartiene più, e di cui è rimasta solamente la vena fantastica tramandataci dai racconti popolari e appunto dalle fiabe.

Pubblicità

La Russia degli scacchi: tra gioco e strategia politica

Gli scacchi (Шахматы [shakhmaty]) in Russia hanno un passato secolare: secondo lo storico Isaak Linder, comparvero nella Rus’di Kiev non più tardi del IX o X secolo. Probabilmente gli scacchi sono arrivati in Russia direttamente dall’Asia, attraverso le rotte del Mar Caspio e del Volga, teoria parzialmente basata sull’analisi filologica dei nomi russi dei pezzi scacchistici, che sono diversi da quelli utilizzati dalle altre nazioni europee (le quali probabilmente hanno subito l’influenza araba).

Scatoline russe in lacca: le miniature palekh

Le miniature palekh (in russo Палехская миниатюра, [Palekhskaya miniatyura]), sono oggetti tipici dell’artigianato russo, piccoli dipinti in miniatura eseguiti rigorosamente a mano. Hanno una tradizione antichissima e multi secolare che risale alla vecchia pittura russa delle icone.

La cultura e la tradizione russa attraverso la storia dell’arte Gzel

Gzel (In russo Гжель [gzhel]), è una località a 60 km da Mosca, divenuta famosa nell’Ottocento come centro importante per la produzione di porcellana e di oggetti in ceramica. Caratteristica fondamentale della porcellana di Gzel, infatti, è la combinazione di colori bianco e blu, dove il blu è il colore che ricopre lo sfondo di smalto bianco. Piattini, tazze, teiere, vasi e molta altro è fatto con porcellana Gzel ed è un ottimo souvenir oltre che parte integrante della cultura russa.

khokhloma: una delle più antiche tradizioni russe

Il Chokhloma, noto anche come pittura Khokhloma, è uno stile di pittura e ornamento su legno tipico della tradizione popolare russa. È noto per i motivi curvi e vividi che rappresentano per lo più fiori, foglie e bacche e non di rado viene raffigurata anche Firebird (in russo: жар-пти́ца, [zhar-ptitsa]), la tipica figura russa delle fiabe. Il nome deriva dalla cittadina russa presso la quale ebbe origine la realizzazione di queste opere da parte di abili artigiani secondo una tradizione secolare di lavorazione del legno, soprattutto di tiglio.

«Questo posto è come il ricordo di un sogno»: la storia della granduchessa Anastasia tra realtà e fantasia

Anastasia, il film d’animazione del 1997, prodotto e diretto da Don Bluth e Gary Goldman ai Fox Animation Studios, è stato fatto redatto in onore della dinastia Romanov dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Tratto da una storia vera narra le emozionanti vicende di Anastasia figlia dello zar Nicola II e della dinastia Romanov che ha regnato in Russia per 300 anni.

La Russia e lo spazio: il ricordo di Yuri Gagarin 60 anni dopo

un omaggio a Yuri Gagarin il primo uomo ad andare nello spazio aprendo di fatto l’era delle esplorazioni umane in orbita. Un primato conquistato nel pieno della corsa allo spazio che vedeva Stati Uniti e Urss contrapposte nel pieno contesto della Guerra Fredda. Una battaglia persa però, al fotofinish da Mosca, quando il 20 luglio 1969 gli americani compirono il primo allunaggio, arrivando sul satellite della Terra con la missione Apollo 11.

Il bello di saper scrivere in cirillico: stampatello e corsivo

Nel mondo occidentale, in cui quasi ogni forma di comunicazione scritta si avvale ormai dei dispositivi digitali, si sta perdendo sempre più l’uso della scrittura a mano. In Russia invece, la grafia manuale è pratica molto diffusa e apprezzata, e dunque è importante familiarizzare con essa.