La cultura e la tradizione russa attraverso la storia dell’arte Gzel

Gzel (In russo Гжель [gzhel]), è una località a 60 km da Mosca, divenuta famosa nell’Ottocento come centro importante per la produzione di porcellana e di oggetti in ceramica. Caratteristica fondamentale della porcellana di Gzel, infatti, è la combinazione di colori bianco e blu, dove il blu è il colore che ricopre lo sfondo di smalto bianco. Piattini, tazze, teiere, vasi e molta altro è fatto con porcellana Gzel ed è un ottimo souvenir oltre che parte integrante della cultura russa.

la parola “Gzhel” deriva probabilmente dal verbo russo che significa “bruciare”, o “bruciare argilla”. Grazie infatti ai depositi unici di argille locali che emergevano in superficie, la produzione di ceramiche a Gzel è stata impegnata fin dai primi insediamenti di persone. Il villaggio di Gzel è stato a lungo famoso per le sue argille: l’estrazione estensiva di vari tipi di argilla è stata effettuata sin dalla metà del XVII secolo. Nel 1663 infatti, lo zar Aleksej Michajlovič emanò un decreto per rendere Gzel “fornitore esclusivo” di questi oggetti che dovevano rispettare i migliori requisiti di qualità; proprio questo è stato l’inizio della produzione ceramica in Russia.

Dal 1802 a Gzel e in una trentina di posti nei dintorni iniziò ad essere prodotta questo tipo particolare di ceramica. Tutto il territorio infatti, era ricco di argilla di altissima qualità che costituì la base della produzione della ceramica Gzel. Per quanto la produzione della ceramica si fosse sviluppata in età antica, le prime testimonianze scritte sull’attività artigianale di Gzel risalgono al XIV secolo. I maestri locali producevano stoviglie, mattoni, giocattoli e tanti altri oggetti di uso quotidiano, ma aspiravano a produrre una ceramica più sottile, così durante i secoli tesero a perfezionare la composizione dei materiali usati e le tecniche di produzione.

L’unicità di quest’area sta anche nel fatto che non c’è mai stata la servitù della gleba, poiché Gzel apparteneva alla corte imperiale, ed anche per questo l’artigianato divenne l’occupazione principale della popolazione locale, consentendo di concentrarsi completamente sull’affinamento delle capacità e sul miglioramento delle tecnologie di produzione.

Nel 1830, i ceramisti Gzel svilupparono un materiale, la terracotta bianca, di una qualità tale da rivaleggiare con prodotti inglesi dell’epoca. Seguì così lo sviluppo della tecnica fino all’utilizzo della porcellana, che veniva sparata a una temperatura simile al gres, ma a differenza del gres diveniva di un bianco traslucido e come tale divenne altamente desiderabile.

La produzione di porcellana era, al tempo, un segreto gelosamente custodito dalla Cina che esportava unicamente prodotti finiti. Quando la Russia iniziò a produrre propria porcellana, iniziò a sopperire agli alti costi delle importazioni cinesi e sebbene ci siano stati diversi periodi di interruzione nella produzione di ceramiche Gzel, ancora oggi queste sono riconosciute e apprezzate in tutto il mondo.

All’inizio del XIX secolo i maestri di Gzel riuscirono finalmente a creare una ceramica molto raffinata: i nuovi manufatti erano dipinti con un solo colore, l’azzurro, posto su uno sfondo di smalto bianco.

Ma fu la prima metà del XIX secolo, il periodo di maggior splendore artistico per le ceramiche Gzel nelle sue più vaste varianti. Gzel divenne una miniera di porcellane: molti maestri e creatori famosi iniziarono come semplici lavoratori a Gzel. Dalla seconda metà del XIX secolo poi, molte fabbriche caddero in rovina, in parte a causa dell’elevato volume di merci importate dall’estero, e in parte della modernizzazione della produzione, non sempre al passo per i produttori di Gzel.

All’inizio del XX secolo, la produzione di ceramica era concentrata nelle mani della dinastia Kuznetsov, che proveniva proprio da Gzel. Dopo la rivoluzione, le fabbriche Kuznetsov furono nazionalizzate e Gzel iniziò il restauro del suo mestiere a metà del XX secolo. Nel 1945-1949 iniziò la terza fase di sviluppo dello stile Gzel. È stato stabilito l’uso di vernici a cobalto sull’argilla bianca. Il Maestro A.B. Saltykov creò uno speciale Atlante di stili per unificare la produzione. L’artista N. I. Bessarabova, che sviluppò un nuovo stile blu e bianco di prodotti Gzel, fu invitato all’impresa. Negli anni ’30 e ’40 poi, quasi la metà di tutte le imprese di porcellana risiedevano a Gzel. Così, se il XX secolo ha rappresentato un periodo di profonda crisi, oggi la ceramica Gzel sta conoscendo una nuova stagione d’oro, con i suoi prodotti che trovano un posto privilegiato nei mercati russi e internazionali. Attualmente sotto il marchio Gzel sono raggruppate sei fabbriche situate in altrettanti villaggi, dove lavorano più di 1500 artigiani altamente qualificati.

La ceramica è stata anche prodotta utilizzando una glassa bianca a base di stagno e smalti colorati in blu, verde, giallo e marrone, piuttosto che solo blu su sfondo bianco, in uno stile che viene indicato oggi come Maiolica.

Ogni dipinto ha il suo motivo, la sua composizione decorativa, oltre a seguire le tradizioni e gli sforzi degli artisti per trovare la propria calligrafia in una nuova arte. Questa nuova arte è, ovviamente, diversa da quella vecchia, ma allo stesso tempo è diventata la sua continuazione. Dagli anni ’50, artisti professionisti hanno lavorato costantemente sull’artigianato.

La nuova era del “colore” della ceramica Gzel prese piede nella regione agli inizi degli anni 2000. Per questo nuovo tipo di produzione però, erano necessarie vernici speciali, cambiamenti nella tecnologia di produzione, e nuove modalità di cottura ad alta temperatura a 1350 ° C. I maestri sperimentarono molto arrivando alla produzione di massa di porcellana Gzel. La talentuosa artista Juliana Koshikhina, ad esempio, ha partecipato attivamente alla rinascita dello stile Gzel e ha ottenuto una tecnica eccellente. Le sue opere deliziano e affascinano con la luminosità dei colori, la semplicità delle trame e la straordinaria tecnica utilizzata.

Anche Maria Morozova, diplomatasi alla scuola d’arte di Gzel nel 1933, fa parte di questo fantastico mondo dell’arte. Dipinge soggetti naturalistici e una caratteristica della sua pittura sono le morbide transizioni di sfumature di cobalto, combinate con ornamenti floreali. Le sue opere sono oggi nelle collezioni di personaggi illustri di tutto il mondo.

Stoviglie, vasi, candelieri, scatole, caminetti, lampadari, teiere: questa è una piccola parte dei prodotti forniti dalla fabbrica Gzel. Il dipinto blu e bianco si inserisce con successo nel codice culturale della mentalità russa: una combinazione di cielo blu, chiese bianche e cupole dorate (nella moderna pittura Gzel, la doratura è spesso usata). Ma l’elemento principale che forma lo stile è la pennellata caratteristica con le ombre, che può creare molte sfumature sottili di colore blu. Oggi, gli artisti e maestri della “Associazione Gzel” sono i veri figli delle tradizioni Gzel. Molti di loro sono rappresentanti delle dinastie Gzel. Hanno mantenuto e, allo stesso tempo, portato molte cose nuove all’immagine artistica del mestiere. I loro prodotti rappresentano un esempio di vera abilità e amore per l’arte.

I maestri della ceramica Gzel seguono tuttora le antiche tecniche e realizzano il loro capolavori esclusivamente a mano. Innanzitutto tutto, seguendo lo schizzo degli artisti, i maestri modellisti preparano lo stampo in gesso dentro il quale deve essere versato la sostanza liquida di ceramica. Il gesso assorbe tutta l’umidità e la sostanza liquida gradualmente si indurisce acquisendo le sembianze dell’oggetto desiderato. Dopo la cottura, il manufatto passa al pittore. Lo stile di pittura Gzel è inconfondibile: motivi floreali e geometrici azzurri dipinti su uno sfondo bianco. Viene usato l’ossido di cobalto che, grazie a un particolare procedimento tecnologico, assume il caratteristico colore azzurro Gzel.

Anche i prodotti con la verniciatura completa al cobalto sono apprezzati in tutto il mondo; sembra che questa sia una “immagine speculare” del solito Gzel bianco e blu. Il cobalto copre l’intera superficie del prodotto, quindi viene applicato lo smalto. Dopo la cottura, il disegno viene applicato con vernice bianca e oro. Tali prodotti affascinano e affascinano con la loro incredibile bellezza e grazia.

Nella ceramica Gzel vengono prodotti: vasi, tazze, piatti, statuette, elementi d’interni come camini, lampadari, orologi e tantissimi altri oggetti per uso quotidiano o solo a scopo decorativo. Questi articoli possono essere trovati agevolmente non solo nei villaggi di produzione, ma in ogni rivendita di articoli artigianali russi, ed oggi il centro di produzione della ceramica Gzel è Skopin, che si trova a 260 km da Mosca. La prima menzione scritta di questa città risale al XVI secolo, ma è molto probabile che fosse già stata fondata un secolo prima per assolvere alla funzione di fortezza.

L’argilla chiara che abbondava nel territorio di Skopin spinse ben presto i suoi abitanti ad utilizzarla per realizzare stoviglie in ceramica, ma la produzione della ceramica decorativa prese avvio solo nella seconda metà dell’800. Gli oggetti più usuali erano, e sono tuttora, brocche e bottiglie, ma anche statuette raffiguranti animali o esseri umani, però, qualunque sia il soggetto riprodotto la particolarità della ceramica di Skopin rimane immutata, cioè ogni manufatto è ricoperto da uno smalto color verde-marrone.

La produzione artigianale di Skopin ha sempre avuto una larga diffusione sul territorio nazionale, ma oggi gode anche di una particolare rinomanza mondiale al punto che ogni anno la citta’ ospita un festival internazionale alla quale partecipano maestri artigiani provenienti da vari paesi del mondo. Elemento di particolare attrazione è il fatto che nel territorio di Skopin sono presenti molti tipi di argilla, unici per colore e composizione, che richiedono un particolare metodo di lavorazione. Per questo motivo molti artigiani desiderano andare a Skopin per lavorare l’argilla locale e imparare nuove tecniche, poiche’ il metodo locale di lavorazione non viene tenuto segreto a coloro che giungono a Skopin per arricchire le proprie conoscenze.

Il festival della ceramica, che si tiene generalmente a fine settembre, si divide in due fasi:

– durante i primi giorni vengono esposti i manufatti realizzati dagli artisti partecipanti al festival,

– poi, negli ultimi tre giorni, i maestri artigiani si dilettano a lavorare l’argilla sui loro torni davanti a un pubblico di appassionati.

Gzel rappresenta una tendenza artistica e culturale immortale, che cerca anche di rendere il mondo un posto migliore: per ridurre, ad esempio, il consumo di plastica, Gzel ha iniziato a produrre tazze da caffè in porcellana poco costose, e così le persone iniziando ad essere più consapevoli del loro consumo e volendo produrre meno rifiuti domestici, stanno comprando questi prodotti molto più che nel passato.

Pubblicato da ColoRussia

"La Russia non si può capire con la mente, né la si misura col metro comune: la Russia è fatta a modo proprio, in essa si può soltanto credere". Tutto ciò che c'è da sapere sulla Russia a portata di click: Lingua e traduzione Storia Cultura, società e curiosità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: